Avola-Palazzo Modica abbandonato

Avola, l’opposizione “Palazzo Modica abbandonato dall’amministrazione comunale”
Doveva essere un museo etno-antropologico

Palazzo Modica di AvolaIl consigliere di opposizione Nuccio Inturri fa notare lo stato di abbandono della struttura che avrebbe dovuto accogliere entro l’estate il museo etno-antropologico ma che adesso ha il cortile impraticabile e le ragnatele sui vetri.

“La fine dei lavori era stata annunciata 7 mesi fa – dice Inturri – e i tre piani della struttura erano pronti per ospitare un contenitore culturale, uno spazio dedicato al Nero d’Avola e un altro dedicato ai reperti archeologici di Avola Antica. E invece basta guardare al di là dal cancello ed ecco il cortile-savana di Palazzo Modica. Silenzio ovunque, erba alta e sterpaglie infestanti. Lo storico palazzo sembra consegnati al degrado più totale, con la corte colonizzata da parte dei volatili che vi hanno preso stabile e incontrastata dimora con la presenza ovunque di una quantità impressionante di escrementi. Si avvii la bonifica necessaria e si dia seguito agli impegni presi in campagna elettorale”.

Fonte: Sito avolanews

722 Visualizzazioni
Condividi

Un commento

  • BISOGNA REAGIRE COME POPOLO A QUESTO DEGRADO!
    Come Libreria Editrice Urso ho utilizzato gratuitamente tantissime volte questa struttura per importanti manifestazioni culturali anche a carattere regionale (Rassegna della piccola editoria, e tanti altri incontri indimenticabili!). All’interno di questa struttura, sconosciuta ai più di questa città non tanto fortunata, c’è un salone stupendo, sicuramente il migliore che Avola potrebbe avere per incontri in un locale di una raffinata e straordinaria fattezza (una volta si voleva fare lì una pinacoteca, che ovviamente non è una raccolta di pini…!). Altro che sala “Frateantonio”!
    Parlo con amarezza, perché, alla fine, il problema non dovrebbe interessarmi, visto che alla mia Libreria Editrice con l’attuale giunta non viene concesso alcun locale gratis, mentre a tutti gli altri si concedono locali gratis, e tutti vendono libri come gli pare, e piace!

Lascia un commento